venerdì 7 marzo 2014

DUE STORIE: IL PARTIGIANO ANTONIO SPUNTICCIA E IL COLLABORAZIONISTA FEDERICO SCARPATO

Mercoledì 19 febbraio, ore 10,00 - 13,00: Laboratorio "Dall'Armistizio alla Liberazione. Roma città aperta?" con gli alunni delle classi III dell'Istituto d'Istruzione Superiore "L. Anneo Seneca" che hanno visitato la sede centrale dell’Archivio. Dopo la proiezione di due sequenze Roma città aperta di Roberto Rossellini (1944) e da  I due colonnelli di Steno  (1962) sono stati presentati – anche attraverso una lettura drammatizzata – i documenti originali che narrano le due storie dell’operaio specializzato Antonio Spunticcia, comunista, membro di Bandiera Rossa (brigata partigiana attiva durante la Resistenza nella capitale), arrestato il 23 marzo 1944 dai tedeschi e trucidato il giorno seguente alle Fosse Ardeatine, e quella del cameriere Federico Scarpato, collaborazionista dei tedeschi in via Tasso, arrestato dopo il 4 giugno 1944 dalla polizia italiana, processato dall’Alta Corte di Giustizia e giustiziato il 26 aprile 1945 a Forte Bravetta.
 


ASRm, Carcere giudiziario "Regina Coeli":
lista degli effetti personali del giustiziato Federico Scarpato





Nessun commento:

Posta un commento